Torna alla homepage Chi Siamo Le attivitÓ dello studio Le parole del lavoro Formazione Pubblicazioni Siti collegati Contattateci Privacy
LE PAROLE DEL LAVORO



Festività

 

La legge individua come giornate festive le domeniche e fissa le festività nazionali e infrasettimanali. Sono considerate festività nazionali il 25 aprile (anniversario della liberazione) e il 1 maggio (festa del lavoro).

Sono invece considerate festività infrasettimanali:

 

- il 1 gennaio;

- il giorno dell'Epifania (6 gennaio);

- il giorno di lunedì dopo Pasqua (mobile);

- il giorno dell'Assunzione della Beata Vergine Maria (15 agosto);

- il giorno di Ognissanti (1 novembre);

- il giorno dell'Immacolata Concezione (8 dicembre);

- il giorno di Natale (25 dicembre);

- il 26 dicembre.

 

A decorrere dal 2001, è stata inoltre ripristinata la festività nazionale del 2 giugno (fondazione della Repubblica).

Infine, i contratti collettivi di lavoro prevedono, di norma, quale ulteriore festività il giorno del Santo Patrono del luogo ove è ubicata la sede di lavoro.

In occasione delle festività, al lavoratore compete il seguente trattamento:

 

a) se non viene resala prestazione, la normale retribuzione globale di fatto giornaliera, solitamente ragguagliata a quella corrispondente ad un sesto dell'orario normale settimanale;

 

b) se viene resa la prestazione, in aggiunta a quanto previsto al precedente punto a), la retribuzione per le ore di lavoro effettivamente prestate, maggiorata in ragione della percentuale fissata dai contratti collettivi.

 

Riferimenti normativi: Legge 27 maggio 1949, n. 260

 

Studio Associato Graffigna & Ravaioli Consulenza del Lavoro